Siamo giunti al termine anche di questo terribile anno sotto molti punti di vista, non solo quello sportivo che qui trattiamo. Un anno che non ci dimenticheremo mai e che nessuno si sarebbe mai aspettato di vivere.
Eppure è passato e in qualche modo ci stiamo dando tutti da fare per superare, oltrepassare, a fatica, con impegno, con sacrificio, questa durissima prova.

Riportando il tutto ad un ambito strettamente sportivo-allevatoriale, l’idea in questo articolo è quella di dare uno sguardo all’andamento dell’allevamento nazionale, attraverso una interessante classifica degli allevatori italiani che ci mette a disposizione Hippomundo. Una fotografia che ci può dare diversi spunti di riflessione.

In un 2020 martoriato dal Covid-19 molte gare a livello nazionale e internazionale sono state soppresse e i numeri che troviamo scorrendo la classifica sono sicuramente stati influenzati da tutto ciò, ma tant’è.
Le vincite di quest’anno infatti se paragonate agli anni precedenti risultano estremamente più basse, circa ¼ del totale rispetto a quelle del 2019!!

Per prima cosa vorrei spiegare come è stilata la classifica. Questa ordina gli allevatori italiani sulla base delle somme vinte dai loro prodotti nel 2020, sia quelli iscritti nel Sella Italiano che in altri Libri Genealogici. In questo modo si apprezza il lavoro dell’allevatore a 360°, indipendentemente da dove ha deciso di iscrivere i suoi prodotti.
Le gare sulle quali si fa la somma dei premi sono solo quelle internazionali. Non si considerano invece le gare nazionali.

Al vertice della classifica non poteva che esserci Giovanni Strini, allevatore della compagna di gare di Emilio Bicocchi EVITA SG Z (VERDI TN x CODEXCO), nata nel 2009, iscritta a Zangersheide e vincitrice di ben 120.479 €.
EVITA su 31 gare disputate è stata vincente e piazzata nel 46% dei casi.
Oggi, purtroppo per la nostra squadra, EVITA SG Z è passata sotto la sella del colombiano Carlos Enrique Lopez Lizarazo, dopo il suo acquisto da parte del francese Sadri Fegaier.
La qualità di EVITA SG Z non è certo dovuta al caso dato che la madre, SONORA D’EVERSEM, ha prodotto anche VIENNA ROUGE (ISJ 1,60m con Keean White) e la nove anni GOLDEN WONDER (da CANTURANO I; 1,45m sj) oggi sotto la sella di Filippo Bassan, cavaliere che aveva montato anche EVITA SG Z prima di Emilio Bicocchi.

Con la somma vinta di 30.771 € al secondo posto troviamo Stefania Chittolini e il suo allevamento Ca’ San Giorgio. Lo scorso anno questo allevamento si era piazzato al quarto posto grazie alle vincite dei suoi prodotti che erano andati a totalizzare la cifra di 121.948 €.

Quest’anno i cavalli vincitori in CSI per Ca’ San Giorgio sono stati sette e tra questi la fenomenale OTTAVA MERAVIGLIA DI CSG (SI, FOR PLEASERE x CALETTO I) ha totalizzato 19.712 €, seguita da ENCANTADO DI CSG (KWPN, VERDI TN x ZEUS), montato dai francesi Alexa Ferrer e Geoffroy De Coligny in cat 150.

Ottava Meraviglia di CSG – Ph: courtesy Allevamento CSG

Il 9 anni, fratello uterino dello stallone LADRO DI CUORI DI CSG, GOTICO DI CSG (SI, DIAMANT DE SEMILLY x ACOBAT II) nel 2020 ha totalizzato 2.085 sotto la sella dell’americana Maria Schaub, ai quali si aggiungono i premi della 7 anni, sorella piena di LADRO DI CUORI DI CSG, IDI DI MAGGIO DI CSG (SI, da KANNAN). Tra i rappresentanti di questo allevamento in classifica citiamo anche JUSTUS DI CSG, OSPITE D’ONORE DI CSG ed ECCE HOMO CSG.

Al terzo posto con 28.238 €, ricordiamo uno storico allevatore italiano, venuto a mancare lo scorso anno. Gian Annibale Rossi Di Medelana e il suo allevamento del Terriccio, che deve gran parte dei suoi attuali successi a linee materne selezionate negli anni al Terriccio, discendenti a sua volta da linee francesi, e ad uno stallone Sella Italiano, CAN CAN DEL TERRICCIO.

Tra i sei migliori portabandiere di questo allevamento nel 2020 ci sono due fratelli uterini: QUADRIGLIO DEL TERRICCIO (da LORD Z), vincitore di 10.320 € con Piergiorgio Bucci e SEVILLANA DEL TERRICCIO (da CATOKI), vincitrice di 8.075 € con Emilio Bicocchi. Entrambi sono figli dell’italiana DANZA DEL TERRICCIO (da BALOUBET DU ROUET).

Segue RONDINE DEL TERRICCIO (da TINKA’S BOY), nuovamente montata da Emilio Bicocchi, anche lei figlia di una fattrice nata la Terriccio, FALCONIERA DEL TERRICCIO (da CENTO). Con 3.023 €, di somme vinte in CSI troviamo SAETTA DEL TERRICCIO, figlia di CAN CAN DEL TERRICCIO e di NUVOLA DEL TERRICCIO (da APACHE D’ADRIERS), montata da E. Bicocchi e Filippo Martini di Cigala.

In questa classifica ci sono anche ORSO DEL TERRICCIO (da INDOCTRO), figlio di INDIANA DEL TERRICCIO performer con Antonio Sanfelice in cat 160 e UTE DEL TERRICCIO (da CAN CAN DEL TERRICCIO), nipote di INDIANA e figlia di BRACCONIERA DEL TERRICCIO (da CARTHAGO Z).

Con la somma di 23.916 quarta in classifica è Anna Arimane, allevatrice della SI AMBRAMARIE DEL BEIRO (da QUINTENDER), saltatrice in cat 160 con l’americana Julie Welles, e di GUGANO DEL BEIRO (da OGANO SITTE), figlio di UNIVERS, madre anche di IL RUBACUORI (ISJ 1,60m con Juan Carlos Garcia).

Con 21.895 incontriamo Laura Trinchero, allevatrice purtroppo prematuramente scomparsa, che ha sempre visto nell’Holstein il suo punto di riferimento. L’ allevamento J, che lei stessa ha fondato, ha prodotto QUIN 13 (Holst., VERDI x CORRADO I), oggi sotto la sella di Simon Nizri e vincitore di 21.640 , quasi la totalità delle somme vinte nel 2020 per questo allevamento.

Quin J – Ph: courtesy Laura Trinchero

Un solo prodotto, ma comunque molto importante, per Serena Sereni, allevatrice del SI LABRAKER (LARINO x HEARTBREAKER), che da solo ha totalizzato 19.015 nel 2020 con il cileno Agustin Covarrubias, saltando in gare da 1,50m.

Quattro cavalli, tutti Sella Italiano, sono quelli allevati da Silvio Benini che quest’anno hanno totalizzato 17.282 €.
Tra loro due fratelli uterini: FREESTYLE
(da CARETINO) e GINEVRA SI (da CARETELLO B), entrambi figli dell’Hannover ELJEN SB (da STAKKATO). FREESTYLE, prima montato da Carlo Rogiani è passato quest’anno all’egiziano Abdel Said, mentre GINEVRA SI la ricordiamo sotto la sella di Barbara Suter, prima di passare agli ordini di Marta Miroglio.
Un altro alfiere di questo allevamento è senz’altro HELLO DIAMANT (da DIAMANT DE SEMILLY), diventato portacolori belga con Francois Mathy Jr., con il quale ha totalizzato la cifra di 6.170 €.

Infine, anche se nel 2020 le cifra da lei accumulate sono state irrisorie perché si riferiscono ad un solo CSI, è giusto citare CARLINA (da CARETINO), figlia di LINA, fattrice che ha dato i natali a importanti performer come PLAY ON (ISJ 1,60m con Elizabeth Madden), RINA (ISJ 1,50m con Dennis van Tilburg), LINDOX (ISJ 1,50m con Fernando Fourcade), STERREHOF’S CENTOLINA (ISJ 1.45m con Marc Houtzager), CENTO LINUS (NSJ 1.45m con Giovanni Colombo) e CENTOLINA SECONDA (ISJ 1.45m con Schuyler Riley).

All’ottavo posto della classifica dei migliori allevatori 2020 troviamo, con un totale di 16.192 vinti, un allevamento che può vantare il maggior numero di soggetti con vincite in denaro in gare di CSI. Stiamo parlando dell’allevamento Della Caccia (Coop. Soc. Agr. La Caccia Onlus), che lo scorso anno era leader di questa classifica con tutti cavalli Sella Italiani.
Il suo più importante rappresentante è PSG FINAL (ex TULIMAN DELLA CACCIA), un figlio di TOULON e di CASHA DELLA CASCCIA (da CASSINI I), passato sotto la sella dell’irlandese Cian O’Connor nel 2019.
Per rendere l’idea di quanto si siano abbassate le somme vinte, lo scorso anno PSG FINAL aveva totalizzato 404.348 €, contro gli appena 3.620 € di quest’anno!!
Sebbene con una cifra irrisoria, troviamo tra coloro che hanno contribuito alle vincite anche suo fratello uterino, CANTERBURY DELLA CACCIA (da CONTE DELLA CACCIA).
Altri due fratelli uterini nati alla Caccia sono QUANTASY DELLA CACCIA (da QUAPRICE DU BOIS MARGOT), montato da Federico Ciriesi in cat 145-150, e CONTERO DELLA CACCIA (da CONTE DELLA CACCIA), montato in cat 145 da Luca Inselvini, entrambi figli di FANTASY DELLA CACCIA (da NUMERO UNO).

Dietro le somme vinte da QUANTASY ci sono quelle realizzate da tre figli di DIAMANT DE SEMILLY. Il primo è DR. J (ex DILAN DOG DELLA CACCIA), che nel 2020 con l’americano Grant Seger ha saltato in gare da 1,45m. Segue la 7 anni DAYTONA DELLA CACCIA, che con Giulia Martinengo Marquet ha preso parte a diverse categorie in CSIYH. Questa cavalla discende dall’ Holst Stamm 474a, stessa linea materna degli stalloni VERDI TN e VINGINO.
Il terzo figlio di DIAMANT è ancora une femmina, DENNY LOVE DELLA CACCIA (Holst Stamm 4965 lo stesso degli stalloni CLINTON I-II e LEVISTO Z), saltatrice in cat 140 con l’inglese Joseph Davison.
Tra le nuove leve targate La Caccia ci sono due 6 anni:

KURKUMA DELLA CACCIA (da KANNAN), la cui seconda madre è VALENTINA VAN SCHUTTERSHOF, sorella piena di KASHMIR VAN SCHUTTERSHOF. Questa cavalla ha debuttato nel 2020 in CSI sotto la sella dell’irlandese Harry Allen, fratello minore del più famoso Bertram Allen.

QUEEN ELISABETH DELLA CACCIA (da QUICK STAR) anche lei è stata sotto la sella di Harry Allen nel 2020, per poi essere montata dalla norvegese Ingrid Gjelsten. Questa giovane promessa nasce dall’Holst Stamm 104A, lo stesso dello degli stalloni ACOLORD, ACODETTO e CORLAND e di numerosi saltatori tra cui BB CORLANDIA (Willy Melliger).

Agostino Mola è invece l’allevatore del Sella Italiano KATTANDRO (CONTENDRO I x HATTRICK), che montato da Filippo Bologni ha totalizzato nel 2020 14.083 , soprattutto grazie alle vincite realizzate durante il CSI2* di Villeneuve-Loubet in Francia (13.617 ).

Segue Alessandra Ridoli con i suoi prodotti Sella Italiano targati “Le Schiave”. LAZZARO DELLE SCHIAVE (da ACODETTO I), la cui vendita lo scorso anno all’irlandese Cian O’Connor fece grande rumore, è passato dai 125.295 € guadagnati nel 2019 con il nostro Massimo Grossato ai soli 5.705 € di quest’anno, a causa del numero di gare da lui disputate notevolmente ridotto.

Dietro alle vincite di LAZZARO ci sono quelle di tre fratelli uterini: IMPERO DELLE SCHIAVE (2008, da ACORADO I) montato dal saudita Dalma Malhas in cat. 160, MOKA DELLE SCHIAVE (2010, da STAKKATO), sotto la sella dell’olandese Mathijs van Asten e la più giovane NEBBIA DELLE SCHIAVE (2011, da CALIDO I) montata da Elena Datti. Questi tre soggetti nascono tutti dalla fattrice Hannover CHIQUITA (CONTENDRO I x GRAF TOP), che ha prodotto anche il dressagista GELO DELLE SCHIAVE (IDR4* con Pierluigi Sangiorgi), fratello pieno di MOKA.

I CAVALLI CON LE MAGGIORI VINCITE

A parte gli stravolgimenti dovuti alla pandemia in atto, si può comunque stilare anche una classifica delle somme vinte dai singoli cavalli nati da allevatori italiani.

Come già detto la cavalla che ha totalizzato più vincite è stata EVITA SG Z (120.479 €), seguita, anche se da lontano, da AMBRAMARIE DEL BEIRO con 23.878 €.

La terza vincita va a favore dell’Holstein QUIN13 allevato da Laura Trinchero con 21.640 €, seguito dalla prima Sella Italiana: OTTAVA MERAVIGLIA DI CSG con 19.712 €, vincita paragonabile a quella di LABRAKER (19.015 €).

Con 14.083 € troviamo poi KASSANDRO, seguito da due cavalli che hanno totalizzato una cifra del tutto simile tra loro: FLINTON (da CLINTON I), KWPN allevato da Carlo Testa e montato da Emilio Bicocchi (12.755 €), e BERNINI GP (da BERLIN) SI allevato da Maria Gisella Bulgarelli e montato da Filippo Bologni (12.597 €).
Carlo Testa lo troviamo anche come 4° classificato nella classifica degli allevatori italiani per il completo proprio grazie al fratello uterino di FLINTON, HARTAKER (da SPARTACUS TN), montato dall’inglese Izzy Taylor.
Entrambi questi cavalli sono figli della KWPN ZILITHYA (da HEARTBREAKER).

Infine con cifre intorno ai 10mila euro si attestano QUADRIGLIO DEL TERRICCIO e FREESTYLE, allevato da Silvio Benini.

I LIBRI GENEALOGICI

La classifica degli Studbook stilata dalla WBFSH comprende come è noto il periodo fino 30 settembre del 2019 e non arriva alla fine dell’anno. In questo caso però, parlando di Libri genealogici, è ovviamente possibile considerare solo i cavalli Sella Italiani.

Sempre secondo Hippomundo andando a considerare tutto il 2020 il Sella Italiano si attesta al 14° posto con una vincita totale di 341.388 € accumulati da 488 cavalli Sella Italiano. Una cifra completamente diversa rispetto a quella del 2019 quando il Sella Italiano era al 15° posto con 1.489.937€ vinti.

Il paragone con il 2019 ci dovrebbe far riflettere sulla profonda crisi economica con la quale anche il settore equestre ha dovuto e dovrà ancora confrontarsi nel 2021. Questi mancati introiti si faranno sentire indubbiamente il prossimo anno con ripercussioni anche sul mondo dell’allevamento.

Il confronto guardando queste classifiche ci parla di circa ¾ dei soldi persi rispetto al 2019, un freno non indifferente per tutto il settore.

©BHS Riproduzione Riservata

Load More In Allevamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *