Mi è capitato alcune volte leggendo le genetiche di qualche ottimo saltatore figlio di uno stallone non tra i più noti o blasonati, di sorprendermi della lungimiranza dimostrata dal suo allevatore nel riuscire a scegliere quel particolare stallone, risultato poi vincente per l’incrocio con la sua fattrice.
L’allevamento è anche questo, è l’arte di saper vedere oltre quelle che sono le mode del momento, la capacità di avere uno sguardo rivolto verso il futuro e di conseguenza utilizzare anche riproduttori giovani o meno affermati.
Tutto questo meglio se si riesce a farlo il prima possibile velocizzando i tempi del miglioramento genetico. Perché lo scopo della selezione è proprio quello di avere riproduttori che siano migliori dei loro padri e che producano saltatori in grado di gareggiare su percorsi che richiedono atleti con caratteristiche fisiche diverse da quelle dei cavalli sportivi di 20 o 30 anni fa.

A l’allevatore il compito di individuare tra i giovani stalloni quelli che tra loro saranno i miglioratori di domani….. impresa per niente facile.
Ci vuole intuito? Talento allevatoriale? Fortuna? Probabilmente un mix delle tre cose.

Un’ indicazione sugli stalloni che stanno producendo bene, ma che hanno ancora figli relativamente giovani, viene dall’analisi delle classifiche che considerano padri con figli di non più di 8 o 9 anni.
Grazie alla sua banca dati Hippomundo ne stila di continuamente aggiornate sulla base delle somme vinte in competizioni FEI dai figli dai 5 anni in poi, quindi dai 5 agli 8 o ai 9 anni.
Ovviamente non è solo importante per ogni stallone calcolare il totale delle somme vinte dai figli, ma anche quanti figli vincono sul totale della sua produzione.
Infatti se consideriamo due stalloni, uno che ha coperto poco e uno che invece ha coperto molto, anche se con la stessa percentuale di figli vincenti o piazzati in competizioni FEI, in genere quello con molti figli sarà più in alto in classifica per somme vinte rispetto a chi ha coperto poco, falsando il dato in favore dello stallone che ha coperto di più.
Il valore in percentuale dei figli vincitori sul totale dei figli prodotti, ci può dare una visione diversa della classifica.
Seguendo questo principio sono state analizzate le classifiche degli stalloni con figli che avevano al massimo 8 o 9 anni nel 2017, stilate grazie alle somme vinte.

Dei primi 10 stalloni presenti nelle due classifiche (figli con età massima 8 anni e figli con età massima 9 anni) è stato messo in rapporto il numero totale di figli di età compresa dai 5 agli 8 o ai 9 anni, ottenuto dalle banche dati di Horsetelex e Hippomundo, con il numero di vincitori sempre compresi in questo range di età.

STALLONI CON FIGLI DI ETA’ MASSIMA 8 ANNI NEL 2017

In questa classifica sono soprattutto le somme vinte dai figli di 8 anni quelle che incidono maggiormente sul totale e quindi sulla posizione in classifica dello stallone.
Tra i primi 10 classificati troviamo 7 stalloni nati nel 2005, 2 nel 2004 e 1 nel 2003.

Lo stallone che predomina su tutti è l’Holstein DIARADO (DIAMANT DE SEMILLY X CORRADO I), saltatore in cat 1,50m con Jonas Vervoort, grazie ai suoi 183 figli di età tra i 5 e gli 8 anni, vincitori in totale di 209.521 €. Tra tutti il più “ricco” è DICAS (madre da CASSINI I), che da solo ha guadagnato quasi 83.000 €.
Ma DIARADO è anche uno stallone che ha coperto moltissimo perché il totale dei suoi figli dai 5 agli 8 anni è di 1061, con una percentuale di vincitori che si attesta al 17%.

L’opposto si può dire per il in classifica per somme vinte dai figli: CHACCOMO (CHACCO BLUE X CONTENDER), stallone OS agli ordini del brasiliano Luiz Felipe de Azevedo (ISJ 1,60m). Questo stallone ha coperto molto poco, ha infatti solo 20 figli registrati, e di questi 9, ovvero il 45%, sono vincenti o piazzati in competizioni FEI. Da sottolineare il fatto che la gran parte delle vincite si deve a CARLOTTA 232, cavalla montata da Emanuele Gaudiano, che ha totalizzato 110.000 €. Per gli altri 8 figli le somme vinte sono irrisorie.

Il in classifica è il BWP ELDORADO VAN DE ZESHOEK TN (CLINTON X TOULON), performer internazionale sotto la sella di Zoi Snels, che ha prodotto tra i 5 e gli 8 anni un totale di 477 figli. Di questi 78, ovvero il 16%, hanno vinto un totale di 86.149 €. Da considerare che dei 477 figli solo 36 avevano 8 anni nel 2017 e 11 di loro (il 30%) hanno gareggiato in cat 1,40-1,60m. I migliori sono stati JAPATERO VDL (23.756 €) e JEUNESSE (19.094 €).

Al posto CARAMBOLE NOP (CASSINI I X CONCERTO II), stallone Holstein montato da Willem Greve, i cui figli hanno totalizzato 64.273 €. CARAMBOLE ha in totale 234 figli tra i 5 e gli 8 anni, di questi 34 (il 15%) ha realizzato delle vincite in competizioni FEI. E’ comunque soprattutto grazie alle vincite di HELLO SENATOR (21.288 €), che CARAMBOLE conquista questo posto in classifica.

Al posto l’Holstein CALIFAX (CALIDO I X JULIO MARINER XX) che ha solo 43 figli dai 5 agli 8 anni, di cui 7 (16%) hanno vinto 61.840 €. Anche in questo caso è uno solo il figlio che ha realizzato le maggiori vincite, ovvero SILVER SHINE (madre da BALOU DU ROUET) con 55.837 €.

Al posto troviamo l’SBS VAGABOND DE LA POMME (VIGO D’ARSOUILLES X FOR PLEASURE), compagno di gare della francese Penelope Leprevost, il quale ha 121 prodotti di età tra i 5 e gli 8 anni, la maggior parte dei quali hanno 7 o 8 anni. Per lui sono 33 in totale i figli piazzati e vincenti in competizioni FEI, ovvero il 27%, una percentuale molto buona. Il migliore è al momento JACKSON DE REGOR (madre da QUERLYBET HERO).

Al posto un altro Holstein: QUIRADO (QUIDAM DE REVEL X CORRADO I) con 21 vincitori su 154 figli dai 5 agli 8 anni, ovvero il 14%. Anche per questo stallone la maggior parte dei figli ha 7 o 8 anni, in questo caso sono 133. QUIRADO deve la sua posizione fondamentalmente a suo figlio QUIREX (madre da CONCEPT 2), vincitore di oltre 31.000 € sui 47.024 € totali.

All’ posto troviamo CORONAS 2 (CORNET OBOLENSKY X CALYPSO), stallone Wesfalen montato da Uwe Schmitz in cat 1,50m, la cui produzione si concentra negli anni 2009-2010 con 96 figli.
Con 14 figli vincitori su 101 prodotti tra i 5 e gli 8 anni, arriva ad una percentuale del 14%.

Al posto CLINTISSIMO Z (CLINTON I X CARTHAGO Z) saltatore in cat 1,40m con Mirella Lesonen-Hakola, con 17 figli vincitori su 90 prodotti e una percentuale del 19%.

Al 10° posto si piazza VIVALDI DU SEIGNEUR (CHELLANO Z X DARCO), stallone SBS montato in precedenza da Penelope Leprevost e Marine Blondet, con 11 figli vincitori su 53 prodotti e una percentuale che sale al 21%. Questo stallone, la cui produzione è numericamente limitata, deve la sua posizione soprattutto ad uno dei suoi figli, POMEROL (madre da CLINTON) che ha guadagnato oltre 29.000 € su un totale di 33.768 €.

Interessante la 14° posizione dell’eccezionale figlio di RATINA Z, COMME IL FAUT. La percentuale dei suoi figli vincitori è considerevole e arriva al 32%, anche se le somme vinte in totale dai suoi figli dai 5 agli 8 anni non sono altissime. Questo perchè i figli di COMME IL FAUT di 8 anni sono pochissimi, solo 8 di cui 3 saltatori in cat 1,45-1,55m. Andando poi a vedere la sua produzione del 2010 (7 anni nel 2017), su un totale di 37 figli, ben 21 hanno gareggiato in cat 1,40-1,50m.

stalloni con figli di eta’ massima 8 anni nel 2017

STALLONI CON FIGLI DI ETA’ MASSIMA 9 ANNI NEL 2017

In questa classifica troviamo tra i primi dieci 7 stalloni nati nel 2004, 1 nel 2005 e 2 nel 2001.

Per quanto riguarda gli stalloni con figli che arrivano al massimo a 9 anni di età, la leadership va al compagno di gare di Jur Vrieling, il SF ZIROCCO BLUE (MR BLUE X VOLTAIRE) con 111 vincitori su 730 figli di età dai 5 ai 9 anni, e una percentuale del 15%. Dei 62 primi figli nati nel 2008, sono 20 quelli che hanno preso parte a cat. 1,40-1,60m. A contribuire al raggiungimento del primo posto di questa classifica è stato più che altro EDDIE BLUE (madre da MARLON), saltatore internazionale con David Ryan per gli USA, che ha guadagnato 142.000 € sui 287.322 € totali.

Il posto è dell’eccezionale BWP EMERALD (DIAMANT DE SEMILLY X CARTHAGO Z), figlio di due riproduttori straordinari e lui stesso uno dei migliori stalloni del circuito internazionale con Harrie Smolders. EMERALD raggiunge una percentuale di figli vincitori del 32% (49 su 155 figli).
Dal 2008 al 2011 la sua produzione è stata piuttosto bassa, solo 56 figli. Nonostante questo EMERALD mostra una discendenza di grandissima qualità dato che tra i 20 suoi figli nati nel 2008, 14 (il 70%!!) sono saltatori in cat 1,45-1,60m, come 4 degli 8 figli nati nel 2009 che hanno gareggiato in cat 1,50-1,60m.
Il migliore tra i suoi prodotti è IGOR (madre da NABAB DE REVE), che sotto la sella di Jos Verlooy ha totalizzato 112.900 €, sui 233.096 € totali vinti dai figli di EMERALD.

Non da meno il classificato, un altro stallone BWP: BAMAKO DE MUZE (DARCO X JALISCO B), performer sotto la sella di Karline de Brabander (ISJ 1,60m) e figlio dell’eccezionale FRAGANCE DE CHALUS. Tra i suoi 122 figli prodotti tra i 5 e i 9 anni, 42 hanno realizzato delle vincite in competizioni FEI, raggiungendo una percentuale elevata: il 34%. Tra i suoi 29 figli nati nel 2008, 15 gareggiano in cat 1,50-1,60 (il 51%!) e 10 sui 21 nati nel 2009 in cat 1,40-1,55m. I suoi migliori figli sono BRETLING DU PARADIS Z (madre da VIGO D’ARSOUILLES), e SEA COST B52FZ (madre da QUIDAM DE REVEL).

Al posto troviamo l’Holstein COOPER VAN DE HEFFINCK (CARETINO X LANDLORD), fino al 2014 sotto la sella di Olivier Philippaerts, con una percentuale di figli vincitori del 26%. La sua produzione dai 5 ai 9 anni conta 130 figli di cui 34 vincitori in competizioni FEI.
Dei 111.206 € totali circa la metà proviene dalle somme vinte da INSTIT DE JUCASO (madre da DARCO) che ha totalizzato la cifra di 65.513 €.

Scalando di un posto troviamo CONTAGIO (COLMAN X LORDANOS), anche lui stallone Holstein, attualmente montato da Gerrit Nieberg (ISJ 1,60m), con un numero di figli dai 5 ai 9 anni inferiore rispetto agli altri stalloni. Sono infatti 72 di cui 21 vincitori in competizioni FEI, ovvero il 29%. CONTAGIO può contare su 8 figli saltatori in cat 1,40-1,60m sui 20 prodotti nel 2008. Tra loro si distingue CATCH ME IMPERIO EGIPCIO (madre da WERTHER), vincitore di circa la metà delle somme vinte da tutti i suoi figli.

Al posto troviamo uno stallone poco conosciuto, SANVARO (SANDRO BOY X CALVARO Z), appartenente allo Studbook OS, con una produzione molto limitata dato che sono solo 27 i suoi figli registrati, tutti nati nel 2008 e nel 2009. Di questi 14 risultano vincitori in competizioni FEI, con una percentuale molto alta, del 52%. Da considerare però che dei 65.000 € totali vinti circa 40.000 € sono stati vinti da QUINTELLA (madre da BALOUET DU ROUET).

Al posto il SF NUMBER ONE D’ISO UN PRINCE (BALOUBET DU ROUET X SI TU VIENS), saltatore internazionale sotto la sella di Nicolas Delmotte e Julien Epaillard (ISJ 1,60m), con 54 figli tra i 5 e i 9 anni, di cui 9 vincitori, per una percentuale del 17%.

All’ posto il BWP ERCO VAN’T ROOSAKKER (DARCO X KANNAN), compagno di gare di Jonna Ekberg, stallone proveniente da una importante linea materna, la SF139. Tra gli 83 figli di età dai 5 ai 9 anni, sui 91 totali prodotti, troviamo 27 vincitori in competizioni FEI, per una percentuale molto buona, del 33%. Dei 19 figli presenti in banca dati nati nel 2008, 8 gareggiano in cat 1,40-1,60m.

Al posto il KWPN ZURICH (BERLIN X CONCORDE), che nasce da TSARINA, sorella piana dello stallone LARINO, con 171 figli di cui il 15% vincitore in competizioni FEI.

Al 10° posto infine troviamo il secondo stallone KWPN: ZAPATERO VDL (CHIN CHIN X IRCOLANDO) con 294 figli dai 5 ai 9 anni e una percentuale di vincitori dell’11%. Tra i suoi migliori figli ZAPZARAP (madre da RAMIRO), che da solo ha totalizzato vincite per circa 16.000 € sui 45.500 € vinti dalla sua progenie.

stalloni con figli max 9 anni

Quello che emerge dalla disamina di queste classifiche è che non sempre gli stalloni più utilizzati sono quelli che producono meglio. Può capitare che il numero di fattrici coperte sia legato alla fama dello stallone come cavallo sportivo oppure che, come avviene per qualsiasi mercato, anche in questo campo la forza del marketing possa deviare la scelta degli utenti finali, in questo caso gli allevatori, soprattutto i meno esperti.
D’altra parte però se uno stallone anche se copre molto è uno scarso riproduttore, non emergerà lo stesso nonostante l’elevato numero di figli.
Come al solito è importante da parte di ogni allevatore avere sempre un occhio critico sulle scelte che si appresta a compiere ogni inizio stagione….

In copertina – Emerald e Harrie Smolders – Ph: © rio2016.com

Load More In Stalloni in numeri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *